Povežite se s nama



Portal Fiuman.hr zahvaljujući suradnici jednom tjedno objavljivat će kolumne na fiumanskom jeziku pod nazivom “El mondo secondo mi”.

Son sempre ala ricerca dela carega perfeta, xe un mio aspeto maniacale che non rivo cambiar, ma perché per studiar devo star comoda. Se in facoltà rivo becarme la poltrona del big boss son calma e tuto va ben, se inveze me beco la carega dei povereti, gnente va drito e la mia giornata de studio posso butarla zo per el buco, quel del condoto. Go sempre provà invidia per chi podeva sentarse, aprir el libro e star fermo e calmo studiando; per mi se ga de sempre tratado de una raza aliena, con una eficacia teutonica, o come la ciamemo noi, dei gnochi.

E cussì xe arivada la session de esami estiva, sempre puntuale come i mussati, el caldo e l’ansia, insoma el mejo del pegio. In un mondo paralelo e perfeto le sessioni estive non le esiste, la gente xe tuta al mar con un cocktail in man e una colana de fiori intorno el colo. Chi ga avù la brilante idea de farne studiar come mussi in estate xe una persona senza cor ma con un bon senso del’umorismo… oviamente intendo quel nero. Son una grande sostenitice del ‘studiar fa mal’ o del drastico ‘studiar maza’ o del otimista ‘basta partecipar’. Ecove la prova, son ancora studentessa. No, non go la sindrome del Montenegrin ma l’ansia me fa bruti scherzi e la mia università xe organizada come l’economia grega. Ma mi non me dago per vinta e finalmente questo ano finisso anca mi.

Me imagino de andar verso i mii ultimi esami come un oplita spartan zigando ‘AU AU AU’, i mii libri xe pesanti come anca le armi e i scudi, ma la mia forza d’urto xe invincibile in campo de bataglia. El mio modo otimistico de far, per el momento, el sta vincendo sul’ansia che cerca de butarme soto e mi ghe digo: NO PASARAN! Cossa volé, son una studentessa de storia e i mii moti i resta sempre in tema. Me digo che se anca dovessi andar mal resterò la più grande intenditrice al mondo sula guera del Peloponneso. Son cussì infissada con sta parte che go completamente dimenticado che go altri mile testi de leger.

La mia fissazion per quel periodo storico non la xe nata dal profondo interesse per i antichi greghi (visto che studio storia contemporanea), ma dal fato che mi son cussì perfezionista che me vado perder in un t’el solo argomento per ore, vedi giorni. Dopo co ocore passar sul sodo, tuto diventa interessante, la situazion in Burundi, la pesca de pessi de acqua dolce, el boson de Higgs, el curling (ja, xe quel sport sul jazo con la scoveta e la teiera), tuto xe più ecitante de quel che go soto el naso. Non rivo capir come se possi manifestar tuti sti interessi in un giorno dove ti se ga alzà bonora per studiar dela matina al calar del sol. Oviamente tuti i mii boni propositi i va finir in buron grazie a sta stupida ansia che la me sta tacada sul colo come un vampiro. Non so, sarà che funziono seguendo la psicologia inversa. Co go tuti i giorni del mondo a disposizion alora funziono come una galina senza testa, ma co se avicina i ultimi giorni che me divide de un esame due comportamenti me carateriza; o vado in tilt e in mi salta la bomba atomica, me meto pianger e me dispero guardando paralizada l’orologio che segna le ore con el suo tic tac odioso, o me meto a corer a 200 al ora come Usain Bolt.

Purtropo o perfortuna son del tipo ‘o tuto o gnente’. Vado de una estremità al’altra trenta volte anche in un unico giorno e rivo cavarme fora de certe situazioni disperate grazie al ‘triage’ (momento co bisogna decider quale mission mandar avanti e quale abortir). Più volte me go sentì dir: ‘Ti ti da el mejo de ti in situazioni critiche, ti tiri fora el sprint!’ E xe questo che in questo momento me porta avanti, bisogna principalmente creder in se stessi. Questo val per tuti e non solo in campo studentesco.

Ognidun ga i sui ritmi, ognidun studia a suo modo ma non bisogna mai darse per vinti. In questo mondo xe chi che riva far molto con poco sforzo, xe chi che lavora a tempo pien e studia (go tanta stima per lori), xe chi che come mi ga problemi de atenzion e ansia, xe chi che xe malado o ga gravi handicap, o chi che ge va tuto storto in te la vita… Semo in tanti che cerchemo de otener un pezo de carta che ne assicuri un posto de lavor in questo mondo dificile (anca se xe tragica la scena dei giovani disocupadi altamente qualificadi in t’el nostro paese), semo in tanti che con molti sacrifici cerchemo de arivar al traguardo.

Con questo ultimo paragrafo tegno a ringraziar tute le persone che me sta vicin del inizio dela mia cariera universitaria, principalmente i mii genirori. Tegno a dir a tuti quei che se trova in dificoltà de non molar, de provar, de adotar magari el moto ‘basta partecipar’, perché non se sa mai, la bota de cul la pol esser drio la porta. In tuto el mondo esiste varie forme de incoragiamenti e de augurii per un futuro sucesso, mi ve digo solo de andar a tute le date de esami che ve se presenta perché mal che vadi, se ciude una porta, ma se apre un porton. “Che la bona sorte sii in vostro favor” mii cari studenti!

Marketing