Povežite se s nama


Portal Fiuman.hr zahvaljujući suradnici, aktivnoj govornici, jednom tjedno objavljivat će kolumne na fiumanskom jeziku pod nazivom “Un Fiume de pensieri”.

E dopo sei mesi son di novo qua! Pensavi che ve go abandonado, che me go stufada de scriver, che son sparida in te l’oblio (ah, quel forse anca sì)? E inveze riecome ala carica con un novo articolo che spero che ve piaserà o che se non altro ve straperà un picio soriso! Come poté notar la mia rubrica ga cambià nome. Perché? Con el mio caporedator gavemo deciso de darghe una nota un bich più fiumana. «Un Fiume de pensieri» come titolo pol sembrar banale, ma secondo mi el descrive ben quel che me passa per la zuca e anca perché senza nissuna ombra de dubio indiretamente la nostra cità la vien nominada. Ma venimo al dunque.

Circa un ano fa gavevo scrito sul fato che Fiume se gaveria candidada come capitale europea dela cultura per el 2020. Gavevo i mii dubi, a dirghe el vero non go credù molto in questa possibilità, anca se el mio cor era in prima linea a tifar per noi. E inveze el quasi impossibile se ga averado, me ricordo l’euforia interna che me ga ga ciapado co al ritorno de un viagio go scoperto la lieta notizia. L’oportunità xe a dir poco grande! Trovo che questo sii finalmente el momento per che la Bela indormenzada la se svei de questo lungo sono staniante. Come una Fenice Fiume ga de spalancar le sue ali e mostrar a tuti el suo animo de cità miteleuropea che per tropo tempo xe stada iniorada e per certi versi forse anca ripudiada.

El programa con el quale Fiume a diferenza dele altre cità ga vinto xe stado quel che ga fato una notevole diferenza. «El porto dele diversità» xe el titolo che ne rapresenta in pien. Chi più de noi con la nostra storia pol vantarse de una tale varietà de gente, lingue, gusti, colori e suoni in un posto solo?

El grigior del mal tempo deve finalmente scomparir e darghe spazio ai giovani che se bate per un futuro milior, che cerca in ogni modo de sopraviver nela triste realtà che ne circonda. Chi più dele mule e dei muli fiumani pol lavorar sul progeto de una Fiume aperta, de una Fiume giovane e piena de vita, piena de sfide e de traguardi. Xe ora che l’Europa ne conossi da noi, che el Corso se colori de sfumature diverse, che l’otimismo rimasto per tropo tempo soto el tapedo finalmente trovi una superficie sula quale butar zo idee e voja de far. Ma questo non xe tuto a mio aviso! Questa xe un oportunità megagalatica per la Croazia intiera! Basta con sti punti de vista de vecio stampo, basta tratar Fiume come la pecora nera del stato croato, semo soto el stesso ciel e sula stessa barca. Per questa causa bisonia mobilitarse insieme. Gavemo le porte aperte per tuti e questo vol dir anca per chi ne scredita e ne buta valanghe de pessimismo adosso.

Per el primo april xe stado publicado un articolo da parte de una testada giornalistica dove se diseva che in realtà Fiume non saria stada capitale dela cultura, che se gaveria dovudo rieleger una nova cità. Dal primo momento go sentì la spuza de quel che mi ciamo invidia, ma a burloni del genere non bisonia farghe caso e anzi bisonia riderghe sopra. In fondo se sa che can che abaia non rosiga.

In questi casi come go deto prima bisonia restar unidi e lavorar su sto progeto che ne pol portar solo che ben. Go visto on line che se ga domandado ai vari rioni de Fiume, overo a noi gente comune de far proposte sul come cambiar in mejo le varie parti dela perla del Quarner. Son rimasta colpida positivamente da questa iniziativa perché la trovo una idea vincente e invito calorosamente i mii concitadini a contribuir.

Una volta co ero picia e gavevo messo il dito in mar, mio nono Guerrino me ga deto: «adesso ti son colegada col mondo intiero». Nord, Sud, Ovest, Est, Fiume oltre che per via portuale xe ragiungibile facilmente e la xe in sintonia con le grandi capitali e cità europea, demoghe filo da torcer a chi ne vol mal e un abracio caloroso a chi ne vol venir scoprir. El 2020 xe ale porte, e voi dove se?