Povežite se s nama




Portal Fiuman.hr zahvaljujući novoj suradnici jednom tjedno objavljivat će kolumne na fiumanskom jeziku.

L’orologio mostra le 5 de dopopranzo, sposto la carega, me sento e me impiniso la scudela con el te che me go preparado. La scena xe molto inglese, sula busta scrive che questo iera el te preferido de Robert Whitehead. Me fermo, ciudo i oci e me fazo trasportar dal’odor dele scorze de naranza, dala delicata camomila, dela menta fresca e dal deciso gusto del te nero. Son lontan de casa ma sto odor piazevole e caldo me trasporta con i pensieri in camera mia a Fiume. Co son la una roba me piase far più de tuto… aprir le griglie. Co le apro vedo una caseta su un toco de mar, ma no xe una caseta qualunque, se trata dela rampa de lancio del silurificio Torpedo.

Co iero picia no savevo de cossa se tratava, me imaginavo storie, pensavo che qualchedun ghe abitava dentro, pensavo: ‘che fortunada sta gente che la vive cussì vicin del mar’. Provavo invidia.
Con una dele mie compagne de scola se pensava de trovar un modo per andar fino la e organizzar una festa de fine ano… Roba che no xe mai sucessa. Ancora un flop de iscriver in te la lista dei mii vari tentativi de aventuriera sognatrice.

Passa i ani e me domando se vederò mai sta caseta de vicin… Un giorno decido de domandarghe a mio papà de cossa se trata, cosa xe sta roba che me fa sognar da cussì tanto tempo. El me spiega, el me conta de sto ingegner inglese che el iera vegnù a Fiume nel ‘800 e che el  gaveva inventà in colaborazion con Giovanni Luppis, uficial dela marina austro-ungarica, el siluro, un’arma de guera nova e potente che vegniva mandada in t’el mar proprio grazie a quela picia casa che tanto me ga fato spacar la zuca. Ma mi no me basta e decido de indagar de più. Scopro che in t’el 1856 Whitehead iera capitado a Fiume e el gaveva preso la direzion tecnica dela già esistente ‘Fonderia  Metalli’ e el nome ghe vegniva cambiado in ‘Stabilimento tecnico Fiumano’. Dopo nel 1875 inveze la fabrica vegniva messa in liquidazion e el Whitehead diventava paron cambiandoghe de novo el nome ma questa volta in ‘Torpedo fabrik von Robert Whitehead’. I siluri veniva fabricadi prinzipalmente per l’impero austro-ungarico ma i veniva anca vendudi ala Marina britanica, quela  franzese e più tardi anca ai danesi, norvegesi, svedesi ezetera.

Forse molte picie saria rimaste deluse dala verità, ma mi no. Son sempre stada contro ogni guera ma questa storia del’invenzion del torpedo a Fiume me ga fato restar a boca spalancada. Forse perché iero sempre apassionda de storia o forse perché de una parte iero contenta de saver che nissun abitava dentro e che nissun per el momento podeva rubarme el mio sogno de andar viver la.

Son a metà scudela, in te la mia testa passa ancora altri ani. Ghe ne go 18. Ariva finalmente el giorno che vado a veder sta famosa rampa de lancio. Davanti a mi trovo un enorme bloco de zemento, legno e fero. Buchi dapertuto, sto color morto, una vision completamente diversa de quel che me imaginavo… Epur resto afascinada, son come ipnotizada da questa imensa costruzion.  Son triste ma in stesso tempo contenta. Mile domande me passa per la mente come: ‘Perché la xe in questo stato?’, ‘Perché no se fa gnente, perché la cità no fa gnente per questo nostro tesoro?’. Me giro verso el mar, lo fisso e me imagino le prove che i fazeva,i omini che lavorava, i omini che ga vissudo per questo e xe morti per questo. Me rassegno, la mia caseta no xe abitabile, no la xe più bela ne gloriosa come una volta, ma la xe imponente e importante.

Continuerò a ripeter che son contro ogni guera de qualsiasi tipo, ma el silurificio xe parte anche dela nostra cultura. Xe un posto che parla de un omo che ga dado lavor a molte persone, xe un posto che ga mantenudo alto el nome dela cità in quel periodo e xe un posto che simbolizza guere passade e che se spera no tornerà mai più.

Mentre gusto le note preziose del mio novo te me ricordo che xe un’altra roba che me piase far a Fiume. Anca se raro me piaxe andar in cimitero de Cosala. So come ve pol sonar macabra sta roba ma caminar tra el silenzio dei cipressi e le tombe dei nostri antenati me parla de mi, de noi. In quel zito profondo legio nomi e vedo detagli de tombe magnifiche monumentali. Me ricordo che un ano son andada su per portar rispeto ai mii defunti e dopo go fato una lunga passegiada fino el mausoleo de Robert Whitehead. La sua tomba come ben savé la xe posizionada in altura e la xe svoda, ma el suo ricordo el regna su quela acropoli con vista sul Quarner. I dixeva che el iera una persona molto severa ma che el iera giusto e che ghe voleva ben ai sui lavoratori e per questo, anche se sto omo vitorian ne ga lassà nel 1905, trovo che dovemo esser fieri de lui, dela nostra storia, dela nostra cultura. Bisogna portar alto el nostro nome e far in modo che costruzioni come la rampa de lancio dei siluri i vegni rinovadi e reclamadi. Fiume se candida per diventar capitale europea dela cultura nel 2020, molti storge el naso e capisso anca el perché. Gavemo un patrimonio culturale enorme ma no savemo come valorizarlo. Case e monumenti xe in rovina e tuto se giustifica con la solita scusa ‘No xe fifici’, come diria mia nona. O forse, digo mi, xe tuto in te le mani sbaliade. I schei no fa la felicità e se no podemo restaurar podemo almeno mantener in vita altri aspeti dela nostra cultura. Usi, costumi, musica, dialeto fiuman e ciacavo, la letaratura, la nostra cusina tutto questo xe potenziali ‘armi’ in nostro favor.

Stago per finir el te, decido che questo sarà el mio novo tema per la rubrica de mercoledi. ‘Quanti pensieri te pol passar per la testa Stéphanie’,me digo. Sorido perché capiso che i ani passa ma questa no sarà sicuramente l’ultima volta che parlerò dela ‘caseta dei mii sogni’. Bevo l’ultima joza, prendo el telefono, me meto le cufie, fracò el boton play, me parte la canzon de Sting, ‘Englishman in New York’.

 

Marketing