Povežite se s nama


Hey Ho! Hey ho! Andemo lavorar! La canzoncina de Biancaneve e i sete nani me sona in testa co me alzo de scato dal leto zigando: Noooooooo! Me svejo sudada e disorientada, me rendo conto che i italiani e i tedeschi xe andadi via, che el famoso Ferragosto xe passado e che le colone ai confini del nostro paese xe chilometriche, ma questa volta in direzion oposta. Sì, le mie due setimane de vacanza xe passade come una letera ala posta, oviamente quela teutonica. Non go rivà gnanca tociarme come se deve che xe vegnu xo el cataclisma e me go becà la “gripa”. Mentre ve scrivo queste righe son depressa e circondada de fazoleti che gnanca saria Marisol.

Certi dise “la vita xe una merda e dopo se more” (ok ok, lo digo mi co non me va una drita e co go tendenza a baricarme in casa con tute le scorte per un possibile ataco nucleare) però el fato che el nostro camino non sia fato de rose e fiori e che el sia prevalentemente de filo spinato, bombe a man, lava e lego kocke impiantade sula pianta del piede verso la salita del sucesso, non vol di che el nostro passagio sul pianeta sia un drek. No cari mii, la vita xe una rosa con tante tante spine del cavolo… eco.

Forse, ma solo fooorse devo diminuir con la mia dose de cinismo ma fato sta che l’estate non xe ancora finida e mi go un muzo de lavor. Credo che semo in tanti anca se mi go la fortuna de non doverme alzar ale 5 per andar a lavorar. Son indafarada con el svolgimento dela mia tesi de laurea e altri problemi de tipo esistenziale e academico che me fa alzar el nazismo (no, non son amiratrice del tipo coi bafeti che gaveva el nome simile al furore).

Sento che la mia vita sta per cambiar e son pronta al lancio, go ancora pochi giorni prima che i gioghi se faci duri e i diventi una batalia al’ ultimo nervo. Oio de gomito e atitudine in stile Rambo i xe presenti, bisogna definitivamente lassar la “Signorina Ansia Pigna in tel Cul” fora dela porta. In questo momento me domando chi sa quanti se prepara per passar a scuole superiori, chi sa come i se sente, chi sa quanti riprende el lavor in sti giorni e chi sa quali pensieri afiora le menti de ogni persona sopra i 5 ani de vita.

Setembre el xe ale porte e el fa paura a tanti de noi. Per mi se trata del mese più odiado in assoluto, el me fa diventar un Gremlin bagnado (legi assatanado) con veramente poca toleranza e pazienza per el genere umano. Setembre per mi xe la personificazion dela lota contre le burocrazie, le scadenze e i costanti buoni umori dele tete ai “šalteri”. Fino adesso son sopravissuda, ormai son una “pro”, ghe la farò anca sta volta! Scrivo e scrivo ste righe e i fazoleti del morbo pesitlenziale se moltiplica, i oci i me brusa, l’università xe un sport al’ultimo sangue, xe una continua stafeta dove co mi gaverò finido (finalmente) ghe darò el posto a un altro povero sfigado che adesso el guarda ala vita in modo otimista, un poco naïve (me dispiase ma non rivo molar el cinismo che go in mi, almeno son realista).

Ok ok, devo finir questa fiera del pessimismo perché stago leteralmente diventando orba e le letere le sta saltelando sul schermo come le caprete vivaci de Heidi, e forse stago diventando anca mi un pochetin capra. (Beeee!)

Go un solo messagio per el popolo del web che me segue: Sodali ala pugna, el mondo crudele del consumismo vol che lavoremo e studiemo, setembre xe solo un mese, ripeto, xe solo un mese. Dopo un paio de setimane saremo di novo abituadi e indotrinadi in t’el sistema. Scrivé status, magné ciocolata e piangé sopra un barile de gelato ma per Krishna non publiché la famosa canzon dei Green Day “Wake me up when september ends” su Facebook. Più o meno gavemo tuti la bacheca intasada dai soliti “originalissimi” amici e disemose la verità: la canzon la ga roto le *BEEP*. Saluti e ala prossima mii cari fedelissimi letori, andemo avanti a testa alta come Don Quijote e Sancho Panza!

Marketing