Povežite se s nama




Portal Fiuman.hr zahvaljujući novoj suradnici povremeno će donositi kolumne na fiumanskom jeziku.

Ossequi mii cari lettori! Prima de tuto tegnivo a ringraziarve per el suporto che go ricevù de parte vostra quando xe vegnù fora la mia prima rubrica el primo de april. Gavevo un poco paura, non savevo se ve piaserà, non savevo come venirà ricevuda l’idea de una rubrica in fiuman, e invece me gavé proprio sorpresa. So de gaver fato qualche sbaglieto e devo dir che passar dal scriver drio man in italian al fiuman xe una bela sfida. Se se dimentica che le letere dopie in te la maggior parte dei casi non le ocori, e viceversa, e che magari qualche volta usemo parole  italiane inveze che le nostre fiumane. In ogni modo grazie de cor per portarme pazienza e sostegno!

L’ultima volta ve go contà de come semo stadi voludi un poco da tuti e come podé veder el titolo de questa setimana xe ‘Cossa vien i franzesi?’ In sti ultimi giorni me go dedicà a la storia de Fiume e dintorni e go leto molte robe interessanti. Me son sofermada sul libro ‘Fiume. Tra storia e leggenda. Cronache fiumane d’altri tempi’ de Giacinto Laszy. Xe proprio grazie a un passaggio de sto libro che go deciso el titolo de ogi.

Alora, come ben savé Fiume ga fato parte per un periodo dele province iliriche… Co go deto che ne ga fato visita Napolen intendevo proprio questo. Ma specifichemo subito una roba. Anca se ne piasi pensar che el se mascherava de soldato comun per andar per osterie a bever de bocal de vin e per verificar come stavimo e se le legi veniva aplicade a dover, Napoleon non xe mai vegnù fisicamente a Fiume e el iera anca astemio! Non ghe piaseva gnanca remenarse per le tavole e el magnava tuto svelto. El fazeva meter via anca i piati dei altri perché no ghe piaseva perder tempo… E qua mi me digo: ‘Niente de strano che el gaveva sempre mal de stomigo e che i lo ga mandà in isolamento a morir su un’isola… nervoseto Bonaparte, eh?’

Tornando al titolo ve spiego perché xe nata questo modo de dir che più volte i fiumani ga continuà ripeter ani e ani dopo. Nel 1809 tornando de Segna i franzesi ocupava Fiume ma in maniera anca bastanza facile. Dezeni dopo se ga comincià a contar che i era rivadi nel 1813 con la flota e che i gaveva bombardà la cità. I fiumani incolpava Napoleon in persona de gaver fato una roba del genere anca se in quel caso se tratava de inglesi che voleva mandar via i franzesi… Ma mi desso me domando perché incolpar sto povero omo sofferente col mal de panza? Per fortuna che per quel poco de tempo che xe esistide le province iliriche el ga mandà el marescial Auguste Marmont a far de governator, e per lui podemo dir che el xe passado per Fiume. Marmont iera  più calmo e par che el iera anca un omo giusto e amorevole…  Qua se scherza ma se impara anca che interpreter mal le robe porta a mode e usanze… Infatti l’espression ‘cossa vien I franzesi?’ xe stada adoperada anca per ogni colpo sbarado dezeni dopo… Perfin co ierimo già soto i ungheresi Napoleon continuava a vegnir incolpado.

Ma mi desso me domando se questo modo de dir se pol usar anca ai giorni nostri… Ieri son andada in teatro con dei  amici e gavemo guardà el spetacolo riadatado de ‘La fattoria dei animali’, opera de George Orwell. Ogni tanto se sentiva un colpo de s’ciopo, per motivi teatrali oviamente, ma me fazeva rider perché me imaginavo la gente esclamar: ‘cossa vien i franzesi?’ Trovo che non saria mal ritrovar veci termini e usarli in te la vita de ogni giorno pian pianin. Xe cussì che se mantien viva la lingua e la cultura.

Le done sistemandose i cavei le se fa el ‘zugnon’, parola che provien proprio dal franzese chignon. I fioi senta sul tamburin, della parola tamburin (in franzese se legge tamburà, una à nasale) , i noni i legi i giornai sul canapé e le none le fa i ovi a la coc (à la coque).

El nostro dialeto xe pien de termini rivadi dala lingua franzese, ma non solo, gavemo anca termini croati, tedeschi e greghi. Ogni parola e modo de dir ga la sua storia e saria un pecà dimenticarli. So che da molti che ga fato piazer ritrovar la parola ‘Bonculovich’ e la me se ga scaldà el cor. Me piasi far contenta la gente, anca se con picolezze. Mi per esempio molte volte me domando cossa vol dir certe robe che sento in giro o che mia nona me disi, e quando vegno saver el significato me sento più rica. Magari molte volte so cosa vol dir certe parole ma non le adopero. Per esempio mi  volessi servirme de parole come ‘Torcoleti’ o frasi come ‘Ma va in marina!’ ma o non me vien o non go con chi parlar… Dirghe ‘va in marina’ a mia nona non saria molto simpatico, no? Anche perché credo che la me ripagheria con un’altra frase mandandome da qualche altra parte (rido da sola).

E cussì fioi mii, trovo che difizilmente torneremo a dir ‘cossa vien i franzesi?’ ma so che i franzesi xe vegnudi dele nostri parti come ocupatori, dopo come turisti e se spera che i continuerà a vegnir come tali o perché no per diventar fiumani. Nel ‘800 xe vegnudo a Fiume el Marmont, nel ‘900 xe vegnuda  una mula franzese e la me ga fato da mi.

Cossa dir? Fiume xe un mondo intiero!

Marketing