Povežite se s nama


Portal Fiuman.hr zahvaljujući suradnici jednom tjedno objavljivat će kolumne na fiumanskom jeziku pod nazivom “El mondo secondo mi”.

Che gioia, xe rivada l’estate! Ah no, uficialmente semo ancora in primavera, ma disemo che el caldo estivo xe già qua de qualche setimana. El otimista legerà questa frase de apertura in ciave positiva, el pessimista oviamente in ciave negativa (10 punti a Capitan Ovio di novo!). Mi non so in che categoria meterme perché durante i ani son stada un poco una ‘cambia bandiere’; go sempre amà el mar ma go combatudo batalie dure contro el caldo e le solade. Co ero picia soportavo mejo le vampate agressive de calor e andar al mar con i noni era una goduria, ma quel era un’epoca passada, co le vancanze estive portava el titolo de ‘dolce far niente’. Come go deto la setimana scorsa, ormai da trope estati xe qua la session estiva, sempre puntuale e disumana e pronta a romperme i gioieli de fameja. Chi che lavora invece xe messo ancora pegio!

E cussì mentre noi poveri cristi semo destinadi ai nostri afari rinciusi in casa, in te i ufici o, pegio, soto el sol a lavorar (atacadi ala prima fonte de freschezza o de ombra come se se tratassi de un ancora de salvezza) xe chi che posta su facebook foto de cocktail, de spiagge esotiche, de falangi o de wurstel sula sabia…. Ah no, se trata de gambe! ‘Ipoocrisiaaaa portami viaaaa’ canto drento de mi, visto che so che farò le stesse robe a agosto (me ciapo per la testa perché go apena capì quanto devo aspetar ancora per veder el mar). Non vedo l’ora de bombardarve con le mie ungie dei piedi colorade in qualche color improbabile e inguardabile, non vedo l’ora de butarve in facia (tramite schermo) foto de bevande fresche e foto mie con ampi décolleté in posizioni sirenesche (ja, bon, prima de tricheca spiagiada)… perché i sa tuti, se non xe su facebook non ti son andà in vacanza, anzi, non ti esisti proprio.

Adesso però basta parlar de mi e dela mia favolosa futura esperienza estiva (perché sì, la sarà magnifica) e vegnimo al dunque. Eco a voi servida la vacanza estiva vista tramite i oci del otimista e quei del pessimista.

L’OTIMISTA

L’otimista standard de meza età and over (probabilmente), indipendentemente che se trati de omo o dona, se alza de matina bonora (vedi le 5 o 6) per andar al mar, per goderse l’acqua cristalina e i primi ragi del sol. El mondo xe ai sui piedi e se no’l va in spiagia, el va in piaza a comprarse pessi e fruti e verdure freschi. El barata con la pessivendola scherzando, el ga el soriso pronto per tuti, el torna a casa contento e el pranza con gusto le pietanze apena comprade. La siesta pomeridiana xe un sogno dolce e la sera xe vivibile e come fata per giogar a carte o ciacolar fino a tardi de note. Queste operazioni le va ripetude oviamente tuti i giorni fino la fine dela vacanza.

L’otimista giovane e trasgressivo la matina no’l se alza perché el dorme fino a mezogiorno perché el se deve riposar del after party del after party del after beach party (chi non ga provado, non pol capir). El se alza co xe ora de pranzo, el magna ala svelta e el xe già pronto per un altro party. Giogar a pizighin, prenderse in foto con i ‘mobiteli’ e leger leteratura facile de spiagia xe le atività standard del/a puledro/a marino/a. Verso le 5 de dopopranzo el xe di novo pronto per altre feste che durerà fino el giorno dopo. Anche qua le dure mansioni del festaiolo d’oc se ripeterà ogni giorno fino la fine dela vancanza.

EL PESSIMISTA

El pesismista standard de meza età and over se sveja la matina e ringrazia tuti i santi e Krishna per esser sopravissudo a ancora una note tremenda che sembrava non finir più. El caldo lo copa, non el riva dormir, i mussati i cova una rivolta contro de lui ogni santa note, el se sveja a macia de Pimpa (ja, intendo el carton). Se el ga la ‘klima’ invece el se sveja con el colo scavezado, el ga mal de testa e el maledisse tuti, anca chi ghe ga instalà l’afar mostruoso colpevole dei mali del mondo (prevalentemente del suo cativo umor). El café ghe fa schifo, xe colpa de quel maledeto che lo ga masinà mal in Brasil, i giornai xe pieni de morte e distruzion, non el ga voja de cusinar perché el suderà di novo e el sarà più tacaizo de prima. I pessimisti ripudia le spiage stile ‘sardele in scatola’ e i buta una macumba (maledizion voodoo) al resto dei turisti e amanti del mar. Se per caso i se deve vogar in coriera, non apena uscidi i ghe conterà da tuti i conoscenti e parenti come tuto spuzava drento, che la gente non se lava, che la gente xe iniorante ecc. ecc. De solito le frasi standard del pessimista le sona cussì: ‘Non vedo l’ora che rivi l’inverno, qua non se respira’! Co ariva l’inverno i piange che era bel in estate.

La sotocategoria del pessimista giovane e trasgressivo xe come quel otimista; el fa tuto quel che ghe fa i amici otimisti, solo che sui social network el ne avisa de che tempo che fa, quanti gradi xe fora e quanti gradi ga el mar. I cocktail fa schifo perché tropo caldi o con tropo poco alcool, i turisti xe tropi o tropo pochi, el mar xe sporco, el se ga scavezà la schena sui sassi e la musica in discoteca xe ‘last season’.

In mi trovo un poco de tuti e due, le mansioni sopra elencade le praticherò a agosto dopo che gaverò finì coi esami e dopo ve assicuro, diventerò una sadica dela ‘belavita’, diventerò la miglior amica del otimista e el pegior nemico del pessimista. Non vedo l’ora cari mii e per adesso ve prego solo una roba: andé farse una tociada per mi e scrivé qualche status sul caldo che mi vivo in un bunker senza finestre, non so cossa sucede fora. Ve lasso cantando ‘Iroooooooniaaaaa’ portamiiii viaaaa!

Marketing