Povežite se s nama





Portal Fiuman.hr zahvaljujući novoj suradnici jednom tjedno objavljivat će kolumne na fiumanskom jeziku pod nazivom “El mondo secondo mi”.

La pulizia primaverile dela casa xe quel momento che se manifesta quando xe tempo de primavera (el capitan Ovio se ga fato vivo) e in voi monta el nazismo (non quel del tipo coi bafeti, ma el raptus de maniaca contro el mondo dei bazili e dei vari reperti archeologici dele vostre vite passade e de quele de Tuthankhamon). Anca mi son stada contagiada de questa subdola abitudine un sabato a Fiume. La mia intenzion era positiva, dovevo ‘solo’ passar un paio de orete a butar robe che non me ocoreva più e tuto saria finido presto…. ‘Ma cosa mi dici mai?’, diria Topo Gigio. Non xe gnente de più sbaliado che pensar che la pulizia de una stanza infestada de ricordi de una ‘non più muleta (ma quasi)’ duri poco. E cussì, tra una spolverada de qua e una de la, son andada incontro ala famosa scatola de Pandora. Me avicinavo in ‘slow motion’ verso quela colorada scrigna dei ricordi e non apena me go ritrovà sopra de ela non me restava che alzarghe el copercio.

Go trovà: tre diari, vecie fotografie, pici sopramobili, souvenirs, un muzo de letere, veci bilieti de musei, de cinema e de fiere… Come podé imaginar sti veci reperti me ga dinovo portà indrio col tempo, ma non solo, la mia teoria del ‘farò presto’ ga fato un buso in te l’acqua e la mia intenzion de netar un poco se ga spostà in t’el futuro 2050 d.C. Non so cossa xe che ne porta a reagir cussì, ma l’esser atacadi a robe de poco valor materiale e de grande valor afetivo ne fa viagiar in lontani universi dela nostra mente. Xe un poco come quando scrivo sta rubrica. Son sicura de cominciar con un tema e inveze finiso col parlar de altro (Hmm, non i me dise per gnente che son imprevedibile). Credo che la spontaneità xe la ciave de apertura del universo dei ricordi, solo noi con la bona ciave (de letura) podemo aprirli. Una roba tira l’altra e i clicheri in nostra testa colega un vecio fojo de carta con una storia che solo noi sapemo. Se ritrovemo sentadi sul cantonal del leto con un qualcossa in man, coi oci persi de qualche parte che gnanca noi sapemo dove e restemo fermi cussì per un poco.

Me xe capitado proprio questo rilegendo vecie letere ricevude ma anca veci mii scartafaci destinadi più a nissun. Se dise spesso che le persone non cambia e invece mi penso el contrario. Guardando indrio, anca se la vita de ogni giorno ne par stessa, tuto xe cambiado. Lo vedo su de mi, vedo come el mio caratere, i mii sogni, i mii desideri se ga trasformadi. Si, de sicuro certi sogni in cassetin i resta, ma le robe dela vita ne porta spesso a far altro, a andar per altre strade grazie (o a causa) de picie o grandi decisoni de prender in t’el corso dela nostra esistenza. Son sicura che almeno una volta gavé pensado: ‘e cossa saria stado se facevo cussì e cussì?’. Nissun pol saper ste robe ma continuemo lo stesso a improvisarse strolighi per ancora un bic.

Quando qualchedun ne ciapa in sto stato de solito venimo acolti dala solita domanda: ‘cos ti pensi?’ La nostra classica risposta xe ‘gnente’; in rari casi rivelemo i nostri pensieri. Forsi perché semo gelosi dei nostri ricordi, forsi per paura e forsi perché semplicemente non xe un perché. Mi son el tipo de persona che dificilmente parla. A volte trovo proprio dificile aprir la mandibola e produr due tre parole, ma questo non xe gnente de strano in casa Peloso, mia nona xe abituada al mio star zita. Me piase ascoltar, osservar, cercar. Insoma son una bona sbatola solo quando scrivo. A dir el vero non son gnanca el tipo de tenir tropa roba come ricordi, me piase far el sortegio dele robe de tenir o butar. Se poi le robe non ga nissun valor afetivo, le vola in scovaze come frisbee. La mia ex compagna de apartamento spesso la me ciamava in sua camera solo per farme l’onor de butar robe sue che se ingrumava. Sembrerà strano ma mi eliminar robe me ‘gasa’ de morir, non per gnente la me ciamava ‘Terminator’. Me digo che almeno cussì so cossa conta poco e cossa molto. Xe come i raporti con la gente, de molti ghe piase esser circondadi de molte persone, de molti ghe piase far colezion de ‘amici’, certi ga la vera fortuna de gaver tanta gente bona intorno e certi fa parte del grupo ‘pochi ma boni’. Rispeto ogni ‘categoria’ ma mi personalmente non son del tipo ‘uomo criceto’(chi che ingruma robe gnanca i andassi incontro al disastro nucleare). Come con le robe materiali cussì con le persone, quel che non me va e non merita la mia persona ghe dago un tajo neto. Son tropo del parer che bisogna gaver amor verso se stessi e che non bisogna lassar che nissun se prendi in giro de noi ocupando inutilmente spazi preziosi del nostro tempo.

Non me piaxe colezionar persone come non me piase tenir in casa reliquie. In queste robe son semplice e eficace come la mia nona. Quel che non me va finisse in cantina. La cantina xe l’ultima fissazion in casa Peloso. Tuto quel che non ne agrada finisse in quela zona de transito (no, le persone non le metemo in cantina). Insoma ghe demo a una determinada roba l’oportunità de salvarse; se non la ne riese a convincer la prossima destinazion xe le scovaze. Per questa ultima fase de solito l’incarigado xe el mio papà. So che queste descrizioni pol sembrar una carneficina ma noi semo più del tipo ‘fora el dente, fora el dolor’. Esiste un solo buco in tuto questo processo. Se buto vecie foto mie che non me piase (perché son vegnuda fora come el gobo de Notre Dame) e la mia nona la le vede, la xe capace de far la ‘REKONSTRUKCIJA’ (su ispirazion del programa che andava su un canal croato) dela scena del delito (mi che sbrego mie fotografie inguardabili). Le foto con el mio personagio sopra non va butade ma le entra a far parte del ‘sacro altare dei nipoti’, che ogni nona che se rispeti la mete in bela vista nel posto più frequentado dela casa.

E cussì tra i diversi riti de passagio dei reperti materiali e dele persone arivemo verso la fine, dove mi go impinì un nailon pien de roba che reputo inutile e che xe de butar. Son pronta per ciuder la scatola colorada con el resto dei ricordi più importanti che me ga segnado la vita. Una parte dele robe che go in camera finirà nel limbo dela cantina e el resto finirà in t’el oblio. Non me resta che domandarve cari mii Fiumani: quando gavé svodà i vostri cassoni l’ultima volta?

Marketing