Povežite se s nama




Portal Fiuman.hr zahvaljujući novoj suradnici povremeno će donositi kolumne na fiumanskom jeziku.

Nome: Stéphanie
Cognome: Peloso
Data de nascita: non se domanda ste robe a una signorina come mi
Logo de nascita: Fiume
Profession: studentessa de storia contemporanea
Segni particolari: lingua lunga e contrastona
Partito: mi son de Fiume !

Ah noi fiumani… Se ti verzi un poco le orece  e i oci ti ne vedi e ti ne senti parlar in dialeto un poco in ogni canton. Le babe in bus parla de cosa le cusinerà per pranzo e de cosa ghe ga deto el dotor.

Al camposanto de Cosala o Drenova andemo trovar  i defunti. In Corso  bevemo el bicerin e guardemo la muleria che passa, in pescheria andemo prenderse le sardele, le ociade, I moli e con i scombreti fazemo la marinada de pesi. In ciesa de San Vito durante la messa in italian canta el ‘Coro  fedeli fiumani’  e in circolo se ritrovemo per feste, presentazioni de libri e per farse qualche ciacola e ridada. In teatro assistemo a spetacoli del ‘Dramma Italiano’ , passegemo per Bivio e i fedeli va a Tersato  pregar la Madona.

Semo veci, semo giovani, bei, bruti, ne xe per tutti i gusti. Anzi no, i fiumani non pol che esser bei!

Scherzi a parte, Fiume xe una bela cità multiculturale che ga sventolà molte bandiere. Questo pol voler dir solo una roba, che semo stadi desideradi un poco da tutti. Fiume xe passada da cità con el status de ‘Corpus separatum’ autonomo all’interno del regno de Ungheria, a cità assediada da Gabriele D’Annunzio e i sui legionari, a cità stato, a cità italiana, a jugoslava, per dopo ‘rivar fino ai giorni nostri come cità  croata. A dir el vero anche Napoleon ne ga fato visita e anche qualche bala de canon inglese. In fin dei conti esisti anche el stato virtuale indipendente de Fiume, iniziativa molto interessante e simpatica.

El bel de Fiume, come anche de questa redazion, xe che le linee de pensiero xe varie e le score pacifiche.

L’iredentismo per esempio xe un’idea forte in molte persone da molto tempo , ma tegno a dir che esser fiuman non vol dir far parte de una cerchia politica ma esprime el senso de apartenza a questo nostro territorio indipendentemente dela bandiera che bate.

 Si, i fiumani xe chi che parla in dialeto de matrice veneta ma non me  limiterio a questo. I  fiumani xe tutta la gente che se sente libera da pregiudizi e vive coabitando con molte culture diverse. Summa summarum fiuman pol esser un giaponese come lo pol esser un eschimese. La città la fa da casa a croati, serbi, bosniaci, italiani, ungheresi, tedeschi, albanesi ecc. Tutti xe benvenuti e tutti pol lassar la propria impronta!

 La città sull’Eneo oltre che gaver una moschea e 2 chiese de confession ortodossa, la vanta anche 4 scole elementari in lingua italiana e una scola media superiore anche ela in lingua italiana. Xe proprio in queste scole che go conossù i mii amici, i mii amori e dove go imparà tante belle robe grazie a alcuni boni professori.

Mi go frequentà la scola elementare San Nicolò del omonimo quartier e la go lassà tanti bei ricordi.

Roba particolare dela mia ex scola xe che el 6 dicembre per noi ogni ano era festa. Tutte le classi era acompagnade dal proprio capoclasse e se andava in ciesa per assister alla messa.

Dopo tornavimo a scola e guardavimo el spetacolin al qual molto spesso e volentieri  partecipavimo. De matina fazevimo la nostra performance davanti i maestri e altri alunni, de dopopranzo se esibivimo per i nostri genitori.  Xe chi gaveva talento e gaveva picie parti de ator e chi inveze fazeva parte del coro, come per esempio mi.  Bom, non ero Katia Ricciarelli ma non ero mal dai… Almeno la Lucia Malnar pensava che meritavo.

Alla fine dela giornata ricevevimo el regalin de ‘San Nicolò’ e andavimo a casa.

La scola Dolac e la scola media superiore italiana le condividi l’edificio più bel in assoluto in pien centro. La Belvedere del omonimo quartier la dixe tuta con el solo nome.  Invece con quei dela Gelsi forse  erimo più colegadi noi dela San Nicolò.

Spesso se xe andadi in giro insieme  per escursioni e gare sportive, gavemo stretto nove amicize e xe nati novi amori.

Per la  gara de corsa campestre nel 2001 semo andadi a Capodistria dove go conossù un mulo de un altra scola italiana con el cor de oro.  El ga credù in mi dal primo momento, e  nonostante le *onade che ghe go combinà e i ani che se gavemo perso de vista el me ga  spronà a andar drio le mie ambizioni incitandome a  non molar mai. Visto che el xe un tifoso sfegatado del ‘Rijeka’ trovo che xe mio dover dirve :  ‘KREPAT MA NE MOLAT!’

La vita xe dura ma non bisogna mai arenderse, mai zucar fora bandiera bianca ( a meno che non la sia blu e bianca), se pol crepar ma mai molar. Mi per esempio non la finirò mai de scriver perché per mi scriver xe come magnar e mi son una bona forcheta, o mejo una Bonculovich!

 ‘Krepat ma ne molat’, un moto che val per tuti ! Gente aplichelo e divulghelo ! No, non xe le nove parole del vangelo ma quasi tutte le espressioni fiumane le esprimi el spirito positivo che gavemo in te la vita. Bisogna baterse per i propri sogni, per i propri ideali e co la vita te da limoni, ti fate una bona limonata , verzi la finestra e guarda sto nostro bel Quarner e ricordite : ‘ti pol tutto perché ti son Fiuman!’

Anzi no, invece de riadatar sta americanada dei limoni, prendeve bobici e magneve una minestra  po guardé el Quarner. Co se parla de orgoglio e de localpatriotismo bisogna farlo fino alla fine, no?

P.S. Come dixeva le presentatrici della Rai dei primi anni ’90 : ‘Gentili spettatori, arrivederci e alla prossima puntata!’

N.B.: parlar in fiuman per mi xe come caminar, per quanto riguarda la parte scrita inveze i fiumani patocchi me doverà scusar e forse anche un poco aiutar.

Marketing