Povežite se s nama


Portal Fiuman.hr zahvaljujući suradnici jednom tjedno objavljivat će kolumne na fiumanskom jeziku pod nazivom “El mondo secondo mi”.

La vita xe bela, el sol splende alto in t’el ciel, i uzei canta e mi rivo sul binario in tempo. Non me da fastidio niente ogi, gnanca el morto de *ona che me guarda come un ebete bavoso mentre el me ricopre de oscenità verbali (a dir el vero el me da fastidio ma niente me pol capitar, son su un binario pien de gente e per questo decido de ignorarlo). Col soriso stampado sula boca me imagino un mondo miliore dove saria completamente normale darghe un colpo in te i gioieli de fameja con un publico de done che fa la ‘Ola’ (quela de stadio), e intanto ariva el treno che me porterà verso la felicità lunga quanto un weekend.

Entro, decido de andar un poco più avanti in t’el scompartimento per esser un bic più isolada e per legerme in pace el mio libro. Trovo el posto fato per mi, me acomodo e tiro fora el mio libron che apro e assicurandome che nissun me guardi, lo anuso. Savé quela sensazion de ‘Nirvana’ che ve ciapa co sentì quel odor dele pagine vecie o nove? Eco mi vado mata per quela sensazion dal lontan 1994. Come disevo, la giornata xe belissima, niente me pol andar storto, legio con gusto el primo volume del ‘Trono de spade’ e fra una testa tajada e l’altra, el treno decide de fermarse per recuperar altra gente.

Sento le voci de esseri viventi atorno i oto/nove ani avicinarse sempre de più verso la mia oasi de pace; i xe acompagnadi da voci feminili adulte che se avicina sempre de più e mi me comincio a rassegnar, non poderò continuar la mia aventura leteraria, almeno non per i prossimi cinquanta minuti. Non vojo acetar de gaver perso e me sforzo lo stesso de leger mentre le madri acompagnatrici dei esseri viventi in miniatura decide de sentarse proprio vicin de mi. Le xe in quatro, ma una decide de restar in piedi per esser più vicina ale ‘toilettes’ perché la ga el ‘mal de treno’. Un poco più avanti se senta i pargoleti, i lori santi, i lori angeli, che per dopo qualche minuto non sarà niente altro che demoni. E voi diré ‘Eeeee ma che esagerada! E che antipatica! Aspeta de diventar madre e ti vederà! Mi alora domando venia e esigo de esser ascoltada perché questo caso gavessi fato diventar ciapado anche l’omo più Zen dela storia (sì, Papa Francesco incluso).

‘Looove me like you do, lo lo lo lo ve me like you dooo’ xe el singolo HIT del momento e a quanto par anca del’intiero vagon. Mentre la picia stonada come una campana la se esibise con el telefono modelo ‘Space shuttle’ (per la gioia dele genitrici e la disgrazia dei poveri cristi come mi), i masceti gioga a ‘Candy qualcossa’ (a pien volume). In un certo momento un picio decide de interomper la picia con la canzon in corso. Ringrazio tuti i santi, la Madona, el papa, Steven Hawking, Krishna e i Mariachi. Quela canzon me istiga al’odio più profondo perché per mi se trata dela impersonificazion del schifo dela musica moderna in t’el stato puro. Andando a tradur el titolo ‘Love me like you do’ ve vien fora qualcossa come: ‘amime come ti fa ti’ (e mi me domando come saria sta roba? Cossa la intende? De solito o a la mejo? O cossa? BO!). Non sarò una compositrice de arie ma spero de farve capir el mio dolor acustico in quei duri momenti.

Speravo de cantar vitoria co el picio che amiravo per gaver interoto la sua compagna se ga messo a cantar uno dei numerosi Hit del cantante con el nome de can. I ‘versi’ ‘UNO, DOS, TRES, QUATRO!’ seguidi da varie esclamazioni del tipo ‘DALE! MORENA! SEXY MAMI’ me ga portà ala rassegnazion. Go ciuso el libro, lo go messo in borsa e go butà un sguardo schifado ale madri che notando el mio viso poco contento le ga deciso de interomper el ‘gossip’ in corso e de ‘prender in man’ la situazion ormai degenerada. ‘Valentinaaaaaa sentite, calmina eeeeeh! Tornime l’IPHONE de ultima generazion!’. Dopo un poco la mare de Toni se ga fato viva: ‘TONI sera el celular, quante volte te go deto de non andar su youtube che ti me fa fora tuti i GIGA!’ Dopo gaver deto quel che le gaveva de dir, i fioi se ga guardà fra de lori e con un sguardo de aprovazion silenziosa i ga deciso de non ascoltarle e de continuar con la musica del diavolo a tuta forza e col zigar, corer per el vagon e anca bestemiar in inglese (?!?). Durante tuto questo le madri dei demoni (che de adesso in avanti ciamerò strighe) le continuava a scriver messagi su Whatsapp per non dir certe robe a voce, cussì de non far capir a chi le gaveva intorno (mi inclusa) per qual motivo le rideva come dele danade. In un certo momento la mare col ‘mal de treno’ la anunciava al suo Carleto che la doveva andar butar fora in bagno. Non apena la xe scomparsa per dar solievo a l’anima, le strighe se ga messo a parlar mal de ela. Non sapevo come sentirme, provavo vergonia per lore, ma dopo un paio de secondi me go deto che non dovevo provar pena per la moribonda, perché probabilmente la faceva la stessa roba con le altre non apena una de lore se girava ofrendo la propria schena per esser pugnalada ale spale. Me vien in mente la frase cliché ‘Dime con chi ti va e te dirò chi ti son’. Oviamente se trata de una frase al limite del provincialismo perché saria come giudicar un libro dala propria copertina (la copertina del mio libro xe belissima però, come el contenuto), ma in questo caso la me va proprio a genio.

Per fortuna el mio tragito in treno se avicina a destinazion, i demoni xe sempre più ecitadi e i fa sempre più casin man man che se avicinemo. Non so se xe per tropi zucheri che i ga in sistema o perché le strighe non ghe fa caso minimamente, visto che le ga de farse selfie con facie de oca con i labri a cul de galina degne de giornai ‘Playboy’ e ‘Milf in calore per ti’. Me preparo per andar zo e inevitabilmente penso a come son fiera de gaver fato parte de una generazion dove giogar per le strade con altri bambini era roba normalissima, dove i parchi i era pieni e i telefonini, tablet e computer era ancora fenomeni de Star Trek. Adesso semo tuti infissadi su sti schermi, i pici cresse a pan e youtube e i sa piu del Bertoldo (ma stranamente i resta ignoranti in altri campi). La tecnologia ga i sui pregi e mi la uso perché de sicuro questo testo non lo scrivo su pergamena, ma anca la bona educazion e una sana dose de ‘No’ ai proprio fioi non fa mal. Molti dirà che non go el dirito de criticar perché non go fioi e in quel caso mi risponderò che xe una mia scelta non gaverli per el momento e che fino al caso contrario a questo tipo de ‘elementi’ sugerisso de ‘guglarse’ el ‘Bonton’. Far fioi xe una scelta, educarli xe un dover. Ala prossima mii cari cyber letori!

Marketing