Povežite se s nama


Portal Fiuman.hr zahvaljujući suradnici jednom tjedno objavljivat će kolumne na fiumanskom jeziku pod nazivom “El mondo secondo mi”.

El periodo che va dal sdraiarse in leto a l’ato de dormir ogni tanto el porta in tuti i esseri del genere umano l’epifania, l’iluminazion vera e propria quando noi, orgoliosi come el mascio de pavon (non xe per screditar la causa feminista, ma in mio modesto parer el genere feminil dela stessa specie esteticamente xe ‘bez veze’), capimo de esser dei geni in terra, i novi messia pronti per salvar el mondo e propagar la voce dela verità. Quale verità? Noi con le nostre super idee e con i nostri geniali piani semo ganzi e i altri no, me par ovio (sarcasmo arogante in modalità ON).

Succede cussì ogni volta che penso a cossa scriver. Son in scuro e in zito, la mia camera per dormir la deve esser come una tomba, non passa luce, non passa rumori. Dormo coi tapi e con la mascherina per i oci, el sono xe santo e mi lo go assai fragile, gnente e nissun me deve disturbar se no divento come una iena (me xe seriamente bruto de veder in questo caso). Insoma el periodo prima de dormir xe dedicado ala letura de qualche bon libro e dopo al contemplar la vita e cossa scriver in futuro. Le mie idee prima de dormir per le mie future  ‘opere’ le xe degne del premio Nobel per la leteratura. Divento Dante in persona! Me prometo sempre le stesse robe prima de cascar nele mani de Morfeo: ‘ricordite domani che ti ga de scriver questa prosa per la storia’. Co ariva el domani mi non me ricordo gnanca come me ciamo. Se trata de una situazion stupida, un poco come quando non se ricordé cossa gavé magnà el giorno prima per pranzo o come co andé in una stanza per prender una roba e non se ricordé più perché se trové là.

Ieri note prima de indormenzarme go avù una brilante idea per un testo dela quale me ricordo poco o gnente. Infati poco fa go scrito un testo che gnente ga a che veder con l’idea geniale de ieri. Son partida in un modo ‘easy’, legibile, per finir a parlar de politica, de guera, de scabia e confini. Risultato? Go finì el testo, non son sodisfata, go mal de testa e me pulsa l’ocio. Me sento un pochetin Capitan Uncino de Peter Pan, son de cativo umor e go l’espression de un Bulldog a dieta.

Questo xe quei duri momenti dove un ‘scritor’casca in depression totale, el se sente un falito, el vol alzar le mani de tuto, abandonar per sempre ‘carta e matita’ e andar a pascolar le pecore sul Velebit; ma invece son qua a scriver sul tempo perdudo. No, non quel de Marcel Proust, ma del mio tempo perdudo, dela mia ispirazion persa in te le profonde ore dela note. El pegio xe che questo momento non posso gnanca ciamarlo procrastinazion, overo perder tempo divertendose a non far un tubo, perché son stranervosa.

El nervosismo però non porta a gnente, ma gnanca el mio stramaledeto perfezionismo del cavolo. Xe normale che non se pol scampar ai doveri ma xe anca vero che una sana dose de spontaneità fa ben. Purtropo o per fortuna son sempre stada un poco ribele e dificilmente go acetado ‘ordini’. Non per gnente son conossuda come la ‘contrastona’. Le robe le deve esser fate come Dio comanda o non le va fate perché se no le vien fora che non le val un boro.

Co ero picia go partecipado a qualche concorso leterario e a una gara de lingua italiana. Ogni volta vegniva fora un disastro, non ero brava a acetar i temi prescelti. Scrivevo, ma scrivevo robe al limite del ‘forse xe mejo che digo che el fojo me lo ga magnà el can’. Risulatato: non go mai vinto gnente. Quel mio maledeto perfezionismo xe condizionado dal mio continuo lotar per la ‘libertà’ (d’espression e improvisazion).

Questa xe forse una dele rubriche più strane che go scrito ma trovo che la ga in sé una vena de filosofia o forse son solo un poco becada de strighe. Son convinta che la popolazion mondiale xe divisa in due tipologie: quela che obedise ai ordini e quela che non lo fa. Mi, co se trata de scriver, gnanca se me se ofre el premio Pulitzer,se qualcossa non me ispira non rivo scriver una riga. Sarò una ribele o solo una capra? El mio FIGHT THE POWER più volte me ga messo in te i casini (vedi temi in classe, tempo de scritura 2 ore scolastiche, e mi che i ultimi 5 minuti buto nero su bianco monade a più non posso). Sia come sia, non son stada mai un disertor. Disemose la verità: ghe se vol una certa capacità per impinir un libro, un fojo o una schermata parlando del più e del meno o del gnente riuscendo a tratenir el letor interessado. Eco in questo momento me domando chissà in quanti me ga abandonado già al titolo?

Non so in quanti se che me legé, ma spero de suscitar un certo interesse. Spero che i mii testi sii piacevoli e che i porti un messagio o una risposta a chi me dedica el suo tempo. Devo ameter però che non tuto pol andar a gonfie vele e che le crisi e i blochi del scritor xe molto più frequenti de quel che se pol imaginar. Ogi, per esempio, me sento come la serie ‘Seinfeld’ (ja, quela serie americana dei ani ’90) che magari non la dise niente de particolare o intelligente ma che ga un certo magnetismo. Mi scherzo ma disemose la verità, ogi tuti pol scriver, in pochi xe de qualità, in molti xe altamente mediocri per non parlar de chi xe veramente pessimo in quanto vero violentator dela lingua (in parole povere i analfabeti). La parola xe una vera arma de saper usar come ne par e piase e contro o a favor de chi ne par e piase; Forse desso ve go ciampanado tre ore sul mio scriver un bel niente o forse ve go scrito un messagio subliminale da qualche parte. Son molto critica verso de mi, son el mio pegior nemico e scriver mal xe el mio teror più grande. Ogni tanto go l’aria del pavon fiero e ogni tanto me rendo contro del mio esser uman che spesso casca e sbalia.

Un artigiano non ga mai fato robe perfete, xe sempre quelche difeto che rende unica la sua man d’opera. Ai inizi el gaverà anca lui fato qualche toco poco gradevole al ocio, col tempo el sarà diventà un discreto lavorator fino a ‘perfezionar’ el suo modo de far. Cussì xe anca la parola e el scritor, xe tuto un crescendo de esperienze e sconfite. Chissà, forse arivada a novanta ani gaverò vinto anca mi ala loteria dele parole perfezionando la mia scritura, desso per el momento so solo che go ancora de agiunger ojo de gomito e continuar a cresser.

Marketing