Povežite se s nama




Portal Fiuman.hr zahvaljujući novoj suradnici jednom tjedno objavljivat će kolumne na fiumanskom jeziku pod nazivom “El mondo secondo mi”.

Sona le campane, xe le 6 e meza de sera, son sul divano e come una spugna inzombo ogni rumor dela casa e del quartier. Non son in pace, go mile pensieri in testa e non rivo trovar un punto fermo in te la mente dove poderme rifugiar. Finalmente me ricordo, go un’idea! La zuca me se ilumina come la lampadina dei fumeti de Topolino che legevo de picia. Coro in camera, me vesto, prendo le ciave, vado verso la porta de entrata.

Son fora, l’aria xe fresca, el sol me scalda la pele anche se tra poco el calerà anca lui. Camino verso la fermata del bus e me domando come no podevo ricordarme prima de questa roba che fazevo zirca 10 ani prima. Ogni volta che gavevo bisogno de stacar, de pensar o gavevo bisogno de star da sola me armavo de mp3, dele cufiete e dela mia ‘pokazna’ (abonamento mensil per la coriera), montavo sul primo bus che vegniva e giravo per le strade de Fiume. Me piaseva de morir, podevo perderme completamente in te i visi dela gente, nele espressioni che i gaveva co i se sentava vicin de mi o co i parlava tra de lori. Iera come viver in un mondo paralelo, dove el protagonista non iero mi. Quel che me piaseva de più però iera guardar fora e esaminar tute le case, tute le strade e tuti i panorami che me vegniva incontro. La gente xe interessante ma go notà una roba… Quando che caminemo guardemo sempre con el sguardo fisso per tera. Che pecà! El mondo xe fato per caminar a testa alta.

Ariva el bus, entro, me sento come el solito in fondo. Questa xe una coriera curta, ecologica niente a che veder con le coriere vecie arancioni che gavevimo ani fa noi a Fiume, quele che simpaticamente ciamavimo ‘armoniche’. Me sento su una sedia de plastica e sorido perché me ricordo de come me piaseva sentarme in t’el ultimo sedil de legno e spetar de passar sopra una strada mal fata. Una volta son saltada mezo metro in aria e devo dir che l’ateragio era doloroso anche se ridevo come un ebete. Xe ridicolo come picie robe de questo calibro ne fazi tornar fioi in 2 secondi, però quanto xe bel…

Qua le strade xe fate ben, non salterò in aria e probabilmente non riderò come de muleta, ma el viagio el procede calmo senza nissun problema. Digo viagio per un gireto in bus, ma non me riferiso al conceto de spostamento spazio-temporal con un servizio publico dal logo A al logo B, ma parlo de come la vita de ogni essere vivente su questo pianeta sii un viagio. Xe chi che ga la fortuna de viagiar acompagnado, chi da solo, chi per molto tempo e chi per poco.

Ogni vita ga le sue stazioni, ga i sui intopi, ga le sue salite e le sue discese, proprio come un giro in coriera. Molta gente monterà in bus come in te la nostra vita, molti scenderà lassandone soli e molti monterà arichendone per un periodo el nostro passagio. Xe un poco de trafico, semo fermi a un incrocio e me ricordo de come el mio fradelin cantava in bus canzoni del’Armada quando andavo prenderlo dall’alenamento de karaté. Me vien di novo de rider, quele scene me fazeva sempre vergogna, ma lui continuava a cantar come un mato. El gaveva 4 ani e dala gente el ghe era cocolo. Anca se in quel periodo me vergognavo desso son contenta de questo ricordo, de questa stazion dela mia vita che porterò dentro de mi per l’eternità.

La coriera riparte, ma la se ferma dopo 2 minuti; entra una scolaresca. I fa un casin dela Madona. Capiso che da molti ghe pol dar fastidio ma non da mi. Li vardo, i xe pici e cocoli anche se da certi ghe manca qualche dente de davanti. I me riporta a molti ani fa e a un’altra stazion dela mia vita.
Me ritrovo a gaver i cavei sistemadi per ben in una coda alta, le frange che me copre la fronte e go un grembiulin nero. Go 7 ani e son in bus per Draga de Moschiena con la mia classe e la mia maestra Daria. In man la ga una fiasca con dentro una proposta de amicizia che noi fioi gavevimo scrito per un certo qualchedun che forse un giorno gavessi ritrovà la fiasca in t’el mar. Sorido per questo ricordo e non vedo gnanca che go passà meza cità e i fioi xe già uscidi. E son sola, nissun più che me fa compagnia. Ritorno in mi e divento più seria, passando per una via un poco scura vedo una copieta che se basa. Inutile negar, me ricordo del mio primo amor e dei giri per el centro de Fiume. Me ricordo de locali ormai ciusi, come el ‘Macao’ in Piazza Jelacic dove mi e lui magnavimo palacinche, me ricordo del concerto de novo de ano in mezo al Corso dove el xe vegnudo augurarme, me ricordo del Molo Longo non ancora ristruturado dove non se dodeva andar, ma noi ghe scampavimo lo stesso.  Non son ancora vecia ma posso dir: ‘che bel che xe el primo amor!’

Son rivada al capolinea e me ricordo de quel nostro a Tersato. Devo dir che adoravo e adoro ancora andar su per amirar la vista magnifica che gavemo del castel su tuta la cità e el Quarner. Me par de esser in un film, come quando Amelie Poulain la guarda Parigi da Montmartre. I muri veci del castel medieval dela famiglia Frankopan, la staua del drago, le tori, el terazo pien de gente, le campane del santuario dela Madona che sona e per mi la cità intiera xe in festa. Camino per le vie de Tersato con la mia amica Maja e ridemo e se contemo robe che probabilmente volerò ripeterghe in te le stesse vie quando saremo vecie babe.

Come disevo prima, caminar con el sguardo basso non convien. Una volta andavo far la spesa e scrivevo in stesso tempo un messaggio sul celular. Iero cussì infissada sul schermo che son andà sbater con la testa su un palo. El mio nokia 3310 xe rimasto intiero, la mia testa de meno. Mia mare la iera per tera dale ridade e la go capì che ogni tanto cambiar el punto de vista fa ben. El mondo de ogi xe tuto un fast food. Magna veloce, bevi veloce, ama veloce e vivi veloce. No se ga tempo per gustar la vita e rider de se stessi. L’autista impiza el motor, la coriera sta per ripartir e me ricordo che devo tornar in te la realtà, xe robe che me speta, devo studiar. Mentre ciudo i oci me imagino de calarme de Tersato per andar a casa. Sta volta el tragito passa veloce, son quasi a casa. Prendo una grande bocada de aria, go i piedi per tera, la portiera del bus dietro de mi se ciude. Sto gireto me ga fato del ben.

 

Marketing