Povežite se s nama


Portal Fiuman.hr zahvaljujući suradnici jednom tjedno objavljivat će kolumne na fiumanskom jeziku pod nazivom “El mondo secondo mi”.

‘Chi trova un amico trova un tesoro’ xe la classica frase sul’amicizia. Chi non la ga deta, la ga pensada almeno una volta in t’el corso dela vita. Mi ultimamente go avudo modo de pensar a questo raporto che nasse tra due o più persone, proprio perché vivendo oltre confin me go creado una familia tuta mia. Grazie a questi amici adesso tegno in mi moltissimi ricordi che non dimenticherò mai e devo dir che ne gavemo combinà dele bele. Desso però son arivada in un bivio dove molte decisioni deve vegnir prese e per ovi motivi logistici el raporto con la mia familia aquisida doverà ‘patirne’ le conseguenze.

Tuti gavemo paura (chi più, chi meno) de far un salto in t’el svodo perché non sapemo cossa xe drio el canton, chi xe drio el canton e dove ne porterà la porta che gavemo davanti; epur se non se riscia, dificilmente se moveremo e scaleremo la montagna che ne porta verso la cima per poder amirar el panorama del avenir.

Cussì ero mi ala fine del asilo, ala fine dela scola elementare e ala fine del liceo… a dir el vero anca adesso son cussì. El mio percorso academico el sta per finir, almeno per quanto riguarda el campo dela storia, e me ritrovo dinovo in quel scuro punto dela mente dove me domando: e adesso? Cossa e chi lasso drio de mi? A cossa anderò incontro? Xe un tran tran continuo e non posso che continuar col fatidico: e cossa se? Una roba xe sicura; se non gavessi fato tuti questi salti in t’el ignoto adesso non sario qua a scriverve quel che ve go de dir sule care persone che compone el libro dela mia esistenza.

Essendo cressuda  fino ai mii cinque ani coi mii cugineti e con la nona che la ne tegniva, prima del asilo go avudo solo questa compania esclusiva de masceti. Arivada in asilo Gardelin go continuado a preferir la compania maschile; probabilmente perché el mio cugin coetaneo preferiva star coi pici e alora mi lo seguivo o forse perché non xe un motivo aparente. Corevo coi masci, giogavo con ‘giogatoli de masci’, fabricavo aquiloni de carta e ala sola imagine de una pupa storgevo el naso. In asilo andavo d’acordo con el Robi e el Tean. Con el Robi de matina bonora (erimo verso i primi che le mame ne portava) parlavo de dinosauri e de super poteri, con el Tean ghe corevo drio (roba che go continuado a far senza sucesso anca ale elementari e in liceo, ma per altri motivi. Ja, gavé capì ben). Andavo anca molto d’acordo con el Teo Zin zin zin, ma con lui era un raporto più artistico, devo dir che, modestamente, noi disegnavimo mejo dei altri (seriamente). Go tentado con tute le mie forze de esser amica con la Anita, ma prima la me ga deto che non sapevo far el puzzle (?!?) e dopo la me ga anche insultà el mio alto gusto per le calzature disendo: ‘Imas ruzne sandale!’ I sui sandali era doradi, i mii bianchi e aparentemente quel ano go completamente ‘fulado’ stile. Un giorno la maestra ne ga portado in scola San Nicolò per prepararne a far el famoso salto sicome erimo in età prescolastica. La ne ga portà in biblioteca dela scola e me ricordo molto ben de quel ambiente picio e scuro, col tavolo tondo circondado de libri che me piaseva assai. La in quel determinado posto me go domandà: chissà come sarà el futuro e chi dei mii amicheti continuerà con mi la stessa strada.

Arivada ale elementari go continuado a frequentar la compania maschile, tra veci amicheti e quei aquisidi. Gavevo un particolar raporto con el Ante, el Domi e l’Alex; Ante era inamorado de mi e el me lassava bilietini, ciocolate e bonboni in casseta dela posta. Mi aprivo i pacheti e li magnavo, i bilietini li butavo in scovaze (che *tronza ciò), el Domi xe diventado mio ‘amor’ fino la terza elementare e con Alex gavevo un streto raporto de scambio de libri (i mii preferidi oviamente era quei de storia). Ma qualcossa mancava e tuto xe cambiado co mi go insultà l’arte de una mia compagna de classe che non xe rimasta indiferente e la me ga risposto per le rime. El suo nome era Sara, una belissima bamina dei folti cavei biondi e i oci celesti. Con essa go passado oto ani dela mia infanzia; passada a sognar i principi Harry e William, passada a cantar canzoni dele Spice Girls e anca a inventar canzoni nostre per dopo registrarle. Go una scatola intiera che testimonia questo passato grazie a un nostro scambio epistolare. Con essa son riuscida anca a giogar con le Barbie (questa version de bambole me andava a genio perché le rapresentava la vita adulta che noi sognavimo). Me ricordo ancora co gavemo fato esploder la microcusina dele Barbie simulando un suo ataco isterico. Erimo bambine molto ironiche con anca una sana dose de cinismo, insoma erimo cul e braghe.

Tra una ridada e l’altra le nostre vie se ga separado, essa la ga iscrito l’indirizo generale e mi quel turistico. Arivada in quel posto sconossudo me sentivo poco sicura, era tante altre generazioni più vecie e mi me tegnivo streta a chi conossevo de prima. In quel percorso go conossudo tante persone che xe entrade a far parte dela mia vita e  altretante che xe entrade e uscide. Una persona che ancora desso xe parte integrante dela mia esistenza xe la Nini che la xe riuscida cavarme fora dal mio lato introverso e spaurido grazie al suo spirito felice e pien de vita. Dopo che la go conossuda son uscida fora del mio guscio e anca se i ani del liceo xe ben drio de noi, la xe avanti una presenza importantissima e salda. Xe quel tipo de amiciza che pol passar ani ma co se se reincontra xe come gaver dinovo 14 ani; la contentezza se misura in ugual scala.

Con la Nini son partida verso el viagio del’università, ma in percorsi diversi. Ognidun ga incontrado persone diverse che xe andade a completar el nostro puzzle. Cussì in ambito academico (e non) go incontrà personagi de ogni genere che me ga arichida per sempre. La Ada e la Maja le xe entrade a far parte dela mia storia grazie a strani casi dela vita e le xe ancora ben presenti. Le xe prova vivente che anche le robe meno probabili pol suceder. L’esperienza universitaria invece me ga portado un compagno de aventura leale e fedele. El se ga sentà vicin de mi al corso de storia medievale; ero sola in fondo a una lunga bancata, el me ga soriso e el me ga domandà l’orario dei corsi. De tuta l’aula el me ga scelto da mi e mai gavessi deto che grazie a lui un giorno gavessi cambià tuto el corso dela mia esistenza facendo scelte e reinventando un percorso già tuto studiado. El suo nome xe Luca e grazie a lui go conossudo tante altre persone care, ma due in particolar tegno particolarmente a cor.

Andrea me ga acolto come un picio gato bisonioso in tera sconossuda, el me ga fato veder de che stofa ero fata e de cossa ero capace. La sua toleranza e la sua pazienza me ga ridado fiducia in mi e credo che mai sarò capace de ripagarlo. Marco col suo far un poco scontroso el me ga fato veder che el me ga acetada e con i sui modi un poco burberi el me ga mostrado che el credeva anca lui in mi e che a buon intenditor ghe se vol poche parole. Tute queste persone xe entrade a far parte del mio mondo e se le xe rimaste xe un motivo. Se non altro le ga dado vita a questa mia picola testimonianza e se non i esistessi lori non esistessi tante dele mie esperienze e questa rubrica non la gavessi avudo modo de ciamarse  ‘El mondo secondo mi’. Ma desso basta parlar de mi, cossa aspeté mii cari Fiumani? Tiré fora quel vecio numero e ciamé el vostro/a amico/a e ricordeve de quela volta che….

 

Marketing