Povežite se s nama





Portal Fiuman.hr zahvaljujući suradnici, aktivnoj govornici, jednom tjedno objavljivat će kolumne na fiumanskom jeziku pod nazivom “Un Fiume de pensieri”.

La piova la lava le vie de Fiume, in t’el naso go quel odor piazevole del asfalto bagnado. In camera mia go impizado uno de quei bastoncini profumadi al miel, ma mia nona xe entrada e la me ga deto che spuza de robe che non posso nominar qua per non urtar el fragile cor dei mii letori più rafinadi. La xe scampada via ciudendo la porta e mi me go messo nel mio caro letin soto la copertina per scriver queste righe da condivider con voi mii cari fiumani. Tra una ridada e l’altra, tra qualche parola de esultazion e qualche brindisi se gavemo ripreso del euforia che ne ga ciolto dopo che Fiume xe stada nominada capitale dela cultura per el 2020. Semo contenti, semo fieri, semo emozionadi, ma ne pol bastar? Non xe niente altro de agiunger? Nissuna critica, nissun rimprovero ala cità che score?

Semo in molti a sperar in un futuro più rosa, con più oportunità, con milioramenti in vari campi dela vita lavorativa e quotidiana; per non dir oviamente che speremo in un incremento de visite e fifici in cassa. Per arivar a sto bon punto ocore lavorar e in molti se rimboca le manighe e ghe da oio de gomito, ma purtropo me par che inioremo una dele robe più importanti, o almeno inioremo quel che mi modestamente credo sii ala base de ogni società civile, overo el rispeto per la natura e l’ambiente.

Purtropo quasi ogni volta che vado in giro non posso far altro che notar in che stato de degrado e sporcizia se trovi la nostra amata cità. Questo sveia in mi una tale sensazion de rabia e tristezza misciada insieme a l’amarezza e al rancor. Non capisso come se pol esser cussì egoisti e inioranti a riguardo. Queste situazioni me riporta indrio de tanti ani co ero muleta e co me xe capitado de zigarghe a una ragaza che in bel mezo del Corso la gaveva butado la cartina de una ciocolatina. La me gaveva guardado come se sario l’anticristo in persona e essa la ganza de turno. Co vedo comportamenti compagni me scata el putiferio in tuto el corpo. Me capita spesso de alzar le scovaze drio i altri e butarle in t’el cassoneto. Ai ebeti ghe facio rider, ma cossa volé che ve digo, Fiume non xe solo la casa dela gente civile ma anca dei scovazoni viventi.

Non posso non esprimer el ramarico co vedo che per noi non fariimo niente, ma non apena ga de venir qualchedun de importante, o dovemo ospitar qualche bela gara se facemo in quatro per acontentar tuti. Ma mi digo: e noi? Noi non semo forse importanti? Costa veramente cussì tanto butar un vaseto de vetro nel bidon del vetro e non in quel dela plastica? Xe cussì dificile e inconcepibile far due metri in piu per butar una goma de mastigar in un bidon? Dovemo proprio spudar per tera e non spetar due minuti per andar in bagno? E i paroni dei cani non i pol munirse de un sacheto de plastica e una botilieta de acqua co i va in giro con i propri amici pelosi?

Me basta andar fino in farmacia a qualche metro de casa mia che già me par de star in un parco abandonado de Chernobyl. Vedo ste due panchine tra l’erba alta fino le mudande che me par che i alieni ancora un poco ne manderà messagi criptici in forma de disegni sul teren perché i confonderà l’ambiente con un campo de tulzi (magari cresseria tulzi veri, gnam gnam). E tra l’erba cossa trovemo? Tuto! Dala dentiera de Tizio Caiovich a una scarpa de Pinco Palino. Xe inutile negarlo, Fiume xe una cità sporca!

Xe inutile sconderse drio la solita scusa: «Eh sì, Fiume xe una cità de transito, portuale, industriale… bla bla, parole al vento e chissene…». Semo una cità che deve venir rieducada al rispeto per l’ambiente, xe l’unico modo per rispetar noi stessi e i nostri vicini. La felicità e la salute le comincia dale picie robe, la pulizia urbana xe una de queste. Ne serve un risveio de coscienza.

La mia non xe una denuncia ai operatori ecologici che fa el proprio lavor. Mi parlo de sti pecoroni che me ride in facia, mi parlo de quei che se ne frega se vivemo in una scovazera ambulante, ma che xe i primi a a pianger el morto e fregar el vivo.

Come go deto la volta scorsa, con Fiume capitale europea dela cultura se ga proposto de far robe che ne possi miliorar i vari quartieri. Mi spero che se pensi ala pulizia del ambiente e spero vivamente che se provedi a instalar cassoneti per le scovaze dove se possi smorzar anca tute le zigarete, in modo anca che in un futuro se multarà chi le buta per tera. Dirà certi che son una maniaca, che esagero, ma mi non me interessa. Fiume xe anca mia e finché gaverò respiro me baterò per un mondo più verde, più neto e più san.

El 22 aprile era la giornata mondiale dela Tera, el stesso giorno a New York al Palazzo de vetro del Onu xe stado firmado un acordo sul clima tra 171 stati per fermar el suriscaldamento del pianeta. Era presente anca la presidente croata Kolinda Grabar Kitarović. E cossa vol dir sta roba? Qualche «me piase» in più su Facebook dopo che gavemo publicato che festegemo sto giorno? NO! Questo vol dir che semo in un stato oramai altroché alarmante e xe ora de agir adesso! Non solo le grandi industrie pol far la diferenza, l’apelo va a tuti, anca a noi pici citadini del mondo. Contribuimo ala salvaguardia del ambiente, volemoghe ben ala cità, onoremola netandola, perché un giorno el slogan «amo la cità che score» non diventi «amo la cità che afonda.»

Marketing